UNA BELLA STORIA LOMBARDA DI CUI ESSERE FIERI. LO STATO INVECE SI VERGOGNI

da Claudio Bizzozero
Visite: 714

flf ieri

COSA INTENDIAMO QUANDO USIAMO IL TERMINE "LOMBARDI".
UNA BELLA STORIA LOMBARDA DI CUI NOI SIAMO FIERI E DI CUI LO STATO ITALIANO DOVREBBE VERGOGNARSI.
Come ho fatto sabato durante la presentazione pubblica del FLF voglio ulteriormente chiarire qui e precisare cosa intendiamo noi per "lombardi".
Come scriveva Cattaneo, la Lombardia è un "immenso deposito di fatiche". La terra cioè dell'amore, dell'impegno e della passione per il lavoro. Questa è la "lombardy Way of life", lo stile di vita lombardo e chi lo condivide vivendo qua, chi ne comprende l'animo, è lombardo a tutti gli effetti, perché questa terra da secoli è aperta ed accogliente nei confronti di chiunque manifesti passione per questo stile di vita.
E chi condivide questo stile di vita vivendo in questa terra è oggi massacrato dal fisco di stato, a prescindere dal fatto che si chiami Marelli, Esposito, Yang o Mohamed.
Ecco perché ieri sera accanto a me c'era anche un nostro volontario civico di origine tunisina che vive qui da 30 anni e lavora gratuitamente nel nostro gruppo di volontari civici da due anni.
Lui stesso mi ha chiesto di tenere in mano il cartello con scritto "noi lombardi" dicendomi che "lui vive qui da 30 anni e dunque da più anni di tutti i lombardi che hanno 29 o meno anni".
E spiegandomi che a 17 anni ha lasciato il suo paese e per 30 anni ha asfaltato le strade della Lombardia (soprattutto le strade di Cantù) con una grande impresa canturina. Si è spaccato la schena "e con sudore, sangue e lacrime" ha dato da mangiare alla sua famiglia. E oggi, grazie allo stato, è disoccupato (da quasi 3 anni) con due figli e una coraggiosa moglie che con una laurea sta portando a casa 1000 euro al mese (grazie al suo lavoro come O.S.S.) di cui 450 se ne vanno per l'affitto.
Per me quest'uomo che sa cosa significa spaccarsi la schiena di lavoro e conosce la fatica e la sofferenza, è lombardo quanto lo sono i componenti della mia famiglia che è radicata qui da secoli.
D di questi lombardi io sono fiero quanto tutti gli altri.
Lo stato invece dovrebbe vergognarsi di ridurre persone in queste condizioni.